Due percorsi narrativi in versi che rivelano il carattere di un autore che da sempre si è mosso con efficacia sul doppio registro della scrittura in versi e del romanzo. Daniele Mencarelli, riesce a comporre un doppio quadro, con due poemetti complementari nella loro diversa fisionomia, nella linearità internamente turbata dell’ampio racconto d’amore fra due giovanissimi, in apertura, e nelle screziature interne, di Lux Hotel, il testo successivo. Due impostazioni alternative, dalle aperture e dai turbamenti di “Storia d’amore”, al complesso gioco metaforico del secondo poemetto, dove viene messo in risalto il tema dell’eroismo negativo nella sua connotazione guerresca, nella speranza, «meravigliosamente utopistica» come dichiara lo stesso autore in nota, «che si arrivi a un mondo dove a essere festeggiato è l’eroismo del perdono, della compassione, del coraggio che soccorre».