Storie dimenticate

21 febbraio 2024

Mercoledì 21 febbraio 2024, alle ore 21.00, conferenza spettacolo a cura del prof. Luca Rosetti per celebrare il Giorno del Ricordo

Il prof. Rosetti si occupa da molti anni di divulgazione storica attraverso il sito Il calendario civile degli italiani e le numerose conferenze che approfondiscono i più rilevanti eventi storici.

Il 10 febbraio è stato dichiarato “Giorno del Ricordo”: questo significa che esiste una parte della nostra storia che avevamo dimenticato, ma quale? Cosa dovremmo ricordare in questa particolare giornata? Quali storie abbiamo rimosso, forse volutamente, dalla nostra memoria? E soprattutto: perché?

A 20 anni esatti dalla emanazione della Legge che ha istituito il Giorno del Ricordo come solennità civile nazionale italiana, il prof. Luca Rosetti della Associazione Culturale Teatro Lunatico, propone un’interessante riflessione sull’argomento mercoledì 21 febbraio 2024 alle 21 presso la Biblioteca di Castel Bolognese, Piazzale Poggi 6, dal titolo “Storie dimenticate”.

La conferenza a tema storico è promossa dal Comune di Castel Bolognese in occasione del “Giorno del Ricordo”, istituito con legge n. 92 del 30 marzo 2004 con l’obiettivo di “conservare la memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe, dell’esodo dalle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati nel dopoguerra e della complessa vicenda del confine orientale”. La data prescelta è il giorno in cui, nel 1947, furono firmati i trattati di pace di Parigi che assegnavano alla Jugoslavia i territori italiani dell’Istria, il Quarnaro, la città e la provincia di Zara e parte della Venezia Giulia

“Storie dimenticate” fa parte di una rassegna di lezioni – curata dal prof. Rosetti – dal titolo “Il Calendario Civile degli Italiani. Lo spettacolo della storia” che si terranno da qui ai prossimi mesi e che tratteranno aspetti salienti della nostra storia più recente.

Prossimo appuntamento mercoledì 20 marzo con la conferenza Aldo Moro, il Kennedy italiano.
Tutte le conferenze sono a ingresso libero e gratuito

Condividi, scegli la tua piattaforma!